Consenso informato

In materia di responsabilità per attività medico-chirurgica, il consenso informato, inteso quale espressione della consapevole adesione al trattamento sanitario proposto dal medico, impone che quest’ultimo fornisca al paziente, in modo completo ed esaustivo, tutte le informazioni scientificamente possibili riguardanti le terapie che intende praticare o l’intervento chirurgico che intende eseguire, con le relative modalità ed eventuali conseguenze, sia pure infrequenti, col solo limite dei rischi imprevedibili, ovvero degli esiti anomali, al limite del fortuito, che non assumono rilievo secondo l’”id quod plerumque accidit”, in quanto, una volta realizzatisi, verrebbero comunque ad interrompere il necessario nesso di casualità tra l’intervento e l’evento lesivo.

2. L’acquisizione del consenso informato del paziente, da parte del sanitario, costituisce prestazione altra e diversa rispetto a quella avente ad oggetto l’intervento terapeutico, di talché l’errata esecuzione di quest’ultimo dà luogo ad un danno suscettibile di ulteriore e autonomo risarcimento rispetto a quello dovuto per la violazione dell’obbligo di informazione, anche in ragione della diversità dei diritti rispettivamente, all’autodeterminazione delle scelte terapeutiche ed all’integrità psicofisica – pregiudicati nelle due differenti ipotesi.

(Cass. civ. III sezione 20.5.2016 n. 10414)

Leggi Tutto

Criteri di imputabilità della responsabilità medica

La responsabilità medica, in quanto afferente una prestazione d’opera intellettuale, è normalmente regolata dall’art.1176 c.c., in forza del quale il professionista, e dunque la struttura sanitaria della quale eventualmente si avvalga, è tenuto, nell’adempimento delle obbligazioni inerenti alla sua attività, alla diligenza del buon padre di famiglia, con la conseguenza che di regola il medico risponde nei confronti del paziente anche per colpa lieve. Nella sola ipotesi in cui la sua prestazione implichi la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, la legge prevede un’attenuazione della normale responsabilità, nel senso che il professionista è tenuto al risarcimento del danno unicamente per dolo o colpa grave.

(Trib. Taranto Sez. I, 03/06/2014)

Leggi Tutto

Responsabilità risarcitoria del medico e della struttura sanitaria

In materia di responsabilità professionale medica derivante dall’esito infausto di un intervento chirurgico, l’obbligazione risarcitoria ricade non solo sul medico che ha materialmente effettuato l’intervento e che non ha dato prova di differenti cause del suo esito insoddisfacente, ma anche sulle strutture che hanno ospitato il professionista. Né, in senso contrario, assume rilievo il fatto che il chirurgo non sia incardinato nelle strutture medesime in forza di un contratto di lavoro dipendente o di lavoro autonomo.

(Trib. Firenze, 12/08/2014)

Leggi Tutto

Onere probatorio in materia di responsabilità medica contrattuale

In tema di responsabilità professionale medica, ove sia dedotta una responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e/o del medico per inesatto adempimento della prestazione, permane a carico del danneggiato la prova del contratto (o del contatto), dell’aggravamento della situazione patologica (o dell’insorgenza di nuove patologie) e del relativo nesso di causalità con l’azione o l’omissione dei sanitari, allegando soltanto la colpa del medico. Quest’ultimo, invece, dovrà provare che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente e che quegli esiti siano stati determinati da un evento imprevisto ed imprevedibile.

(Trib. Firenze, 13/08/2014)

Leggi Tutto